Emporio @ New Delhi

Dopo la messa della mattina presso la Cattedrale del Sacro Cuore di Nuova Delhi ci siamo spostati per pranzo in un vicino fastfood “Nirula’s“, catena indiana sulla falsa riga di un più classico Mc Donald’s. Se quello di Mussoorie era un ristorante bello pulito, in ordine e con un aurea di “pulizia e igiene” – uno tra i pochi motivi per cui abbiamo scelto di mangiarvi, oltre al fatto che per lo meno là eravamo sicuri di trovare qualcosa di meno indianizzato (spezie, peperoncino & co…) – il ristorante di Delhi era un luogo piuttosto lugubre, trascurato e invecchiato dall’aria tossica della città. Ma tutto sommato era pulito, con aria condizionata a palla, musica/tv e il cibo era il cibo che avevamo trovato anche a Mussoorie… 😀

Lord Ganesh

Lord Ganesh

Radha

Radha

Dunque, dopo questa bella pausa pranzo con relax, prima di tornare nel nostro hotel, abbiamo fatto capolino nell'”Asian Overseas Emporium“, emporio controllato dal governo indiano (non so bene in che modo, di preciso, ecc..) in cui i turisti posso essere certi di trovare le merci più autentiche e di pregio. E i prezzi anche parlano chiaro! Nella reception c’erano diversi biglietti da visita delle più svariate diplomazie del mondo: Ministero degli Esteri del Brasile, qualche ufficio di un qualche ministero Giapponese, …

Una volta entrati ci siamo trovati di fronte a un mondo fantastico, quasi fatato, con statue affascinanti nei più diversi materiali: sandalo, marmo bianco (stesso tipo con cui è costruito il Taj Mahal), legni vari, pietra italiana (?), ecc. Piatti incastonati con pietre preziose in motivi floreali, elefantini con la proboscide alzata con occhi di smeraldo (non è una metafora stavolta!), cofanetti porta gioie in marmo bianco finissimo luccicanti di rosso, blu e verde (rubino, ???, smeraldo), scacchiere con eserciti di raja o imperatori indiani, tessuti pregiatissimi in broccato o sete finissime in vari colori e tonalità, strumenti musicali in legno scuro che suonano note un po’ difficili per i nostri orecchi, un paio di nargilè alti da terra almeno un metro e mezzo, collane e gioielli vari per ogni gusto e portafoglio. Al piano terra una sala di tappeti e arazzi da una parte e un salone di tessuti, stoffe, cuscini e vestiti. Più di tutto però mi hanno colpito le statue del dio Ganesh e di Parvati (da verificare… non ne sono sicuro…): grandi e spettacolari, in pietre di ogni colore e rarità. Stupende!

Stoffe

Stoffe

Decisamente ai nostri occhi somigliava più a un museo che ad un negozio, ma in realtà non abbiamo mai frequentato negozi di antiquariato in Italia e forse questo è il tipo di locale che più ci somiglia. Grande differenza rispetto al museo è che qui si può dire: “Mi piace, lo prendo!”

Strumenti musicali

Strumenti musicali

Piatti in marmo incastonati con la tecnica della Pietra dura

Piatti in marmo incastonati con la tecnica della Pietra dura

Annunci

2 risposte a “Emporio @ New Delhi

  1. Stai tranquillo, in Italia non esiste sicuramente un paradiso dello shopping superrimo: l’ India è molto lontana da corso Monte napoleone! ( forse è anche per questo motivo che gli indù credono nella reincarnazione) PS gli effetti allucinogeni di certi fumi sono sicuramente superiori! non so provate ad usare gli occhiali da sole x non essere abbagliati da tali colori e scarponi pesanti x non levitare)
    Ma dimmi ci sono tracce di Madre Teresa? beppe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...